La mia foto preferita: Dario Marcandalli

Buongiorno a tutti,

ancora una volta ci ritroviamo per dar voce al nostro circolo! Questa volta con una novità assoluta… ognuno di noi ha scelto una foto che considerano la loro preferita, e ce ne raccontano brevemente i motivi.

 

Iniziamo con Dario, membro e consigliere del circolo, predilige fotografia paesaggistica,  naturalistica e urbana… Ma lasciamo ora che ci racconti la sua foto preferita.

Lo Scatto: Ciao Dario, ci vuoi dire come mai questa è la tua foto preferita?

Dario Marcandalli: Perché si tratta di uno scatto pensato preventivamente, fotografare l’enrosadira, ovvero quel fenomeno che avviene durante l’alba e il tramonto, in modo accentuato sulle dolomiti, le cui rocce colpite in modo particolare dai raggi del sole, letteralmente si accendono di un rosso vivo.

 

LSIn che occasione è stata scattata?

DM: La fotografia, che ritrae le Tre Cime di Lavaredo è stata scattata durante una lunga escursione sulle dolomiti bellunesi. Esperienza molto piacevole perché abbiamo terminato l’escursione a notte inoltrata, e camminare sui sentieri del posto di notte, anche se pur facili, con l’unico ausilio di una torcia frontale e godersi lo spettacolo della volta celeste che pareva così vicina da poterla toccare è stata una di quelle cose dove ti dici “che per tutto il resto c’è MasterCard” 🙂

Tre Cime di Lavaredo-1

LSCon che ottica/macchina? (se te lo ricordi)

DM: Ho utilizzata una Reflex Canon, credo la 5D, prima versione, una reflex con sensore 24×36 e come obiettivo uno zoom Canon 17/40 f4.

 

LSAssoci questa foto ad un ricordo particolare?

DM: Come dicevo prima sono molti i ricordi legati a questa fotografia, ma vorrei aggiungere che fino a pochi minuti prima del tramonto aleggiava molta trepidazione perché un velo di nuvole aveva ingrigito il cielo rendendolo poco interessante e piatto, poi appena il sole è sceso è riuscito a dissolvere le nuvole che hanno create interessanti sfumature.

 

LSVolevi comunicare qualcosa con questo scatto?

DM: Non avevo un obiettivo particolare o un messaggio da comunicare con questa foto, semmai le considerazioni sono venute post scatto. Che meraviglia la natura, non finisce mai di sorprendere.

 

LSQuesta foto rientra tra le foto che normalmente fai/ti piace fare?

DM: Si, è il genere fotografico che preferisco, forse non veicola un messaggio particolare, ma questa è la mia fotografia, e per me significa molto, tanto che la riguardo spesso e questo soddisfa la mia passione e giustifica i sacrifici imposti.

 

LSVuoi dirci altro legato a questa foto che non ti abbiamo già chiesto nelle precedenti domande?

DM: Mi pare di essere già stato abbastanza lungo nello spiegare il perché di questa foto e di cosa significhi, non vorrei tediare i lettori…

A presto con un’altra storia!

 

Arrivederci a tutti e alla prossima foto preferita!

 

Facebooktwitterpinterest

6 commenti

  • Emanuela

    Che bella foto.
    Da proprio l’idea di “altezza”. Sai a che altitudine eravate?

  • Eleonora Bolognesi

    complimenti Dario Marcandalli! bellissima foto e giustissime considerazioni… che potere la natura!

  • Pres

    Bellissima luce, grazie per aver condiviso questa esperienza con noi!

  • dario

    @Emanuela – la foto è stata scattata in prossimità del rifugio Locatelli a 2.450 mt.

    Grazie a voi per lo spazio

    a presto

  • Gilda Grossi

    Wowww!!!

  • Max

    Grande Dario !
    Ho avuto modo fare trekking nella zona e ritengo questo uno dei posti più belli e suggestivi delle Dolomiti; la tua foto poi ha quella tonalità di luce che la rende davvero una delizia per gli occhi.
    Mi piacerebbe pernottare al Rifugio. Locatelli per una photo night session.
    Complimenti sinceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *